Gallery

I colori della primavera – Springtime colours

PRIMAVERA = COLORI: ecco una selezione di eventi dedicati al verde che coloreranno i prossimi weekend in Italia / SPRINGTIME = COLOURS: here are some selected events in Italy that will colour the upcoming weekends

PIEMONTE: Appuntamento al Castello di Pralormo per la XVIII edizione di Messer Tulipano, un evento botanico che si rinnova ogni anno con varietà e progetto colore diversi e che prevede l’utilizzo di oltre 90.000 tulipani e narcisi. Fino al 1 Maggio 2017 oltre a perdervi tra i profumi ed i colori, potrete percorrere un viale di giovani ciliegi giapponesi, scoprire legni, semi rari ed insetti e visitare gli interni del castello. Ogni fine settimana sono inoltre previste degustazioni di prodotti tipici e concerti.
LIGURIA: nella serra e nel Parco Negrotto Cambiaso di Arenzano (GE) si terrà dal 23 al 25 Aprile 2017 Florarte, esposizione con composizioni floreali di artisti dei fiori e tanti eventi dedicati al vivere green tra cui una mostra mercato.
LOMBARDIA: fino al 25 Aprile 2017 nei Giardini Botanici di Villa Taranto si terranno le Settimane del Tulipano durante le quali sarà possibile ammirare la fioritura di oltre 80.000 bulbose tra cui l’appariscente “Carnival de Nice” bianco con bordo rosso scuro, il frangiato “Flaming Baltic” con petali bianchi decorati da una fiamma bordeaux intenso ed il “Giant Orange Sunset”, il tulipano più grande del mondo, da metà Aprile a metà Maggio potrete ammirare la fioritura di azalee ed addentrarvi nel bosco dei rododendri, un universo fiorito all’ombra di imponenti alberi secolari.
VENETO: Este (PD) ospita dal 21 al 25 Aprile 2017 la rassegna Este in Fiore, mostra dedicata al vivaismo ornamentale ed ai prodotti agroalimentari tradizionali di qualità con un allestimento temporaneo in cui passeggiare tra diverse ed inusuali idee di giardino lasciandosi incuriosire e stupire da forme, colori, profumi, rumori e dove scoprire le erbe con cui si cucinano i piatti tipici della primavera.
TRENTINO ALTO ADIGE: un calendario ricco di appuntamenti per la fioritura dei meli con Aprile dolce fiorire che prevede: passeggiate, visite guidate, escursioni, degustazioni e molto altro fino al 03 Maggio 2017.
Lo storico Parco Asburgico di Levico Terme (TN) ospita invece dal 22 al 25 Aprile 2017 Ortinparco , un evento dedicato all’orto con allestimenti di orti-giardino con angoli meditativi.
EMILIA ROMAGNA: il Parco Ducale della Reggia di Colorno (PR) ospita dal 21 al 23 Aprile 2017 Nel segno del giglio, una mostra che ha come protagonisti fiori per tutti i gusti ma dove potrete trovare anche specie vegetali, piante antiche e rare, arredi giardino ed una sezione dedicata ai cibi biologici e tipici.
TOSCANA: Mostra Mercato Giardino Azalea a Borgo a Mozzano (LU) il 20 e 21 Maggio 2017 dove potrete ammirare suggestivi allestimenti realizzati lungo le vie del paese, visitare mostre fotografiche e di pittura, partecipare a visite guidate, conoscere ed acquistare nuove varietà di questo splendido fiore e prodotti tipici locali.
LAZIO: dal 21 al 23 Aprile 2017 il suggestivo borgo di Monte Porzio Catone (RM) si colora con la Mostra internazionale delle Orchidee, un percorso guidato tra fiori di rara bellezza provenienti da tutto il mondo. Animazioni, musica, mostre di pittura e fotografia e degustazioni enogastronomiche per un’immersione tra profumi, colori e sapori.
PIEDMONT: Pralormo Castle near Turin hosts the 18th edition of Messer Tulipano, a botanical event involving the use of over 90,000 tulips and daffodils that are carefully renewed in variety and colour every year. Until May 1st, 2017 a part from wandering through scents and colours, you can explore a path of young Japanese cherry trees, discover woods, rare seeds and insects as well as visit the interior of the castle.
LOMBARDY: Until April 25th, 2017 in the botanical gardens of Villa Taranto you can admire the flowering of over 80,000 bulbs including the flashy “Carnival de Nice” white with dark red border, the fringed “Flaming Balti” decorated with white petals from a deep burgundy flame and the “Giant Orange Sunset “, the largest tulip in the world, while from mid-April to mid-May you can admire the blooming of azaleas and wandering in a forest of rhododendrons.
LIGURIA: an amazing exhibition of flower compositions called Florarte is held in Villa e Parco Negrotto in Arenzano near Genova.
VENETO: Este is home to Este in fiore from April 21st to 25th, 2017, an exhibition dedicated to ornamental products offering a temporary set-up to walk in among different and unusual garden ideas, experiencing amazing shapes, colours, scents and sounds.
TRENTINO ALTO ADIGE: a rich programm of events for the apple blossom including: walks, guided tours, excursions, tastings and much more up to May 3rd, 2017.
The historical Hasburgical Park of Levico Terme (TN) hosts instead Ortinparco, an event dedicated to vegetables and plants with sets of kitchen gardens and meditation areas from April 22nd to 25th, 2017.
EMILIA ROMAGNA: The Reggia di Colorno (RE) hosts from April 21st to 23rd, 2017 Nel segno del giglio an exhibition dedicated to flowers, ancient and rare plants, garden furniture as well as a section of biological and traditional food.
TUSCANY: Giardino Azalea is an exhibition held in Borgo a Mozzano (LU) on May 20th and 21st, 2017 where you will admire beautiful sets made along the streets, visit photographical and painting exhibitions, take part to guided tours, discover and purchase new azalea varieties as well as local products.
LAZIO: from April 21st to 23rd, 2017, the charming village of Monte Porzio Catone (RM) will be coloured with the International exhibit of orchids, a tour among astonishingly beautiful flowers from around the world. Animations, music as well as food and wine tastings for a dive between scents, colours and flavours.

Advertisements
Gallery

I Carnevali più belli d’Europa – The most amazing European Carnivals

dscf0093

Pronti per la festa più divertente dell’anno? Ecco dove vivere il Carnevale in giro per l’Europa:

OLANDA: dal 26 al 28 Febbraio 2017 Maastricht diventa la capitale del Carnevale olandese ed il centro di vibranti e colorate parate capitanate dal Principe dei Folli a cui il sindaco consegna simbolicamente le chiavi della città per tre giorni.
BELGIO: tradizione e folclore al Carnaval de Binche dal 26 al 28 Febbraio 2017 riconosciuto dall’Unesco quale Patrimonio orale ed immateriale dell’Umanità nel 2003. Il martedì grasso un migliaio uomini rigorosamente appartenenti a famiglie locali o residenti a Binche da almeno 5 anni si trasformano in Gilles indossando il costume tradizionale confezionato e noleggiato da alcuni artigiani locali ed una maschera decorata con occhiali verdi e baffi il cui modello è stato depositato presso l’Ufficio Europeo dei Brevetti.
GERMANIA: appuntamento a Colonia con lo storico e sfarzoso Kölner Karneval che si celebra dal 1823. Eventi, spettacoli e parate tra cui quella imperdibile del Rosenmontag con oltre 10.000 partecipanti, 128 carri allegorici e 123 bande.  Più tradizionale il Fasnacht di Stoccarda legato a tradizioni mistiche dove i protagonisti sono personaggi travestiti con maschere in legno grottesche per scacciare gli spiriti maligni.
SVIZZERA: il Carnevale di Bâle è il più grande della Svizzera e si festeggia a Basilea una settimana dopo. La peculiarità è che inizia alle 4 di mattina con il Morgenstreich, una sfilata a suono di pifferi e tamburi accompagnata da circa 200 lanterne raffiguranti eventi dell’anno trascorso.
REPUBBLICA CECA: qui il Carnveale si chiama Masopust e si festeggia a Praga con sfilate che rievocano l’aristocrazia boema, concerti, balli in maschera, menù a tema e molto altro.
SLOVENIA: a Ptuji si festeggia il Kurentovanje, un carnevale legato alla tradizione con sfilate diurne e notturne in cui il protagonista è il Kurent che scaccia l’inverno ed accoglie la primavera. Un ricco programma suddiviso in tre sezioni: Etnofest, Artfest e Karnevalfest.
UNGHERIA: tradizione e folclore anche a Mohacs per il Busójárás Mohács Busó-festival che quest’anno si svolge dal 23 al 28 Febbraio. Un carnevale riconosciuto dall’Unesco come Patrimonio culturale nel 2009 che vede protagonisti personaggi travestiti da pecora con maschere artigianali in legno di salice dipinte con sangue animale.
FRANCIA: variopinte sfilate diurne e notturne di carri decorati con splendide composizioni floreali animate da musicisti e ballerini provenienti da tutto il mondo e battaglie di fiori animano Nizza fino al 25 Febbraio 2017 per il Carnaval de Nice, uno dei più grandiosi e fiabeschi. Giallo, arancio e rosso sono invece i colori protagonisti della Fête du citron di Menton con esposizioni e sfilate a base di agrumi fino al 1 Marzo 2017
GRECIA: risale ad un secolo fa il primo Rethymnon Carnival sull’isola di Creta ed ogni anno acquista sempre maggiore importanza.
MALTA: colori, musica, bellissimi carri allegorici in cartapesta accompagnati da ballerini con fastosi costumi invadono le vie di Valletta mentre a Nadur sull’isolotto di Gozo carri satirici e maschere grottesche sfilano nella notte.
SPAGNA: per vedere il Carnevale più spettacolare bisogna volare a Tenerife per il Carnaval de Santa Cruz de Tenerife, dichiarato festa di interesse turistico internazionale nel 1980. Dieci giorni di festa durante i quali le strade e le piazze di Santa Cruz de Tenerife si animano di sfilate, colori, musica e balli.
PORTOGALLO: lo spirito del Carnevale di Rio de Janeiro rivive a Madeira con sfilate variopinte, carri allegorici e danze a ritmo di samba che animano le vie e le piazze di Funchal.

Ready for the fanniest year’s event? Experience the most amazing Carnivals in Europe:

THE NETHERLANDS: from Feb. 26th to 28th, 2017 Maastricht becomes the capital of Dutch Carnival and the centre of vibrant and colourful parades led by the Prince of Fools to whom the Mayor symbolically hands over the keyes of the city for three days.
BELGIUM: tradition and folklore at Carnaval de Binche from Feb. 26th to 28th, 2017 recognized by UNESCO as oral and intangible Heritage of Humanity in 2003. On Shrove Tuesday a thousand men strictly belonging to local families or resident in Binche from at least 5 years become Gilles wearing a traditional costume sewed and rented by local artisans as well as a mask decorated with green glasses and a mustache filed with the European Patent Office.
GERMANY: meeting in Cologne with the historical and gorgeous Kölner Karneval celebrated since 1823. Events,shows and parades including the unmissable Rosenmontag one with over 10,000 participants, 128 floats and 123 musical bands.
Should you prefer a more traditional Carnival, do not miss the Fasnacht in Stuttgart related to mystical traditions where the protagonists are some characters wearing a grotesque wooden mask driving away evil spirits.
SWITZERLAND: Basel Carnival is the largest one in Switzerland and is celebrated one week later. Its peculiarity is that it starts at 4 am with Morgenstreich, a parade to the sound of pipes and drums accompanied by about 200 lanterns depicting some events of the past year.
CZECH REPUBLIC: here Carnival is called Masopust and is celebrated in Prague with parades recalling the Bohemian aristocracy, concerts, masquerade balls, special menus and much more.
SLOVENIJA: Ptuji celebrates Kurentovanje, a traditional Carnival with day and night parades having as protagonist a character called Kurent chasing winter and welcoming spring. A rich program consisting of three sections: Etnofest, Artfest and Karnevalfest awaits visitors.
HUNGARY: tradition and folklore in Mohacs too for Busójárás Mohács Busó-festival  held from Feb. 23rd to 28th, 2017.
A Carnival recognized as Cultural Heritage from UNESCO on 2009 having as protagonists some sheepsmen wearing handcrafted willow wood masks painted with animal blood.
FRANCE: Colourful day and night parades of floats decorated with beautiful flowers and animated by musicians and dancers from all over the world as well as gorgeous flower battles in Nice up to Feb. 25th, 2017 for the Carnaval de Nice, one of the most fairytale Carnivals. 145 tons of citrus fruits are used for the Fête du citron in Menton, a fruity Carnival plenty of exhiitions and floats parades up to March 1st, 2017
GREECE: dating back to a century ago, Rethymnon Carnival on the island of Crete is becoming more and more important year after year.
MALTA: colours, music, amazing papier-mâche floats accompnaied by dancers with lavish costumes invade the streets of Valletta  while in Nadur on the islet of Gozo satirical floats and grotesque masks parade in the night.
SPAIN: you should fly to Tenerife to enjoy the most spectacular Carnival of Spain for Carnaval de Santa Cruz de Tenerife that was declared a Festival of International Toursit Interest in 1980.
During then days the streets and squares of Santa Cruz de Tenerife come alive with colourful parades, music and dances.
PORTUGAL: the spirit of Rio de Janeiro Carnival relives in Madeira in the Carnaval de Madeira with colourful parades, floats and dancers to the rhythm of samba which animate the streets and squares of Funchal.

Gallery

Viaggio tra i sapori della Francia: dalla Borgogna al Nord-Pas-de-Calais / A trip through French flavours: from Burgundy to Nord-Pas-de-Calais

Una settimana tra sapori, arte e natura alla scoperta di luoghi talvolta insoliti: ecco la nostra esperienza. / A week through flavours, art and nature discovering some unusual places: enjoy our experience.

Giorno 1

Iniziamo il nostro tour con la visita de L’Imaginarium a Nuits-Saint-Georges: una bellissima esperienza visiva, sensoriale e degustativa che raccomandiamo a tutti gli amanti del vino. Si inizia con la visita di un’interessantissima esposizione interattiva che illustra le diverse tappe della produzione vinicola fino all’imbottigliamento, dove è possibile, tra l’altro, annusare le diverse note fruttate e floreali del vino e capire meglio l’importanza dell’abbinamento vino/bicchiere. Si passa poi ad una visita commentata sulla storia del vino in più sale con luci e suoni per concludere con una degustazione guidata di 1 crémant, 2 bianchi e 2 rossi oppure 4 tra i Grands Crus, a seconda della formula scelta. Essendo digiuni, optiamo per la prima: i vini proposti vengono selezionati a rotazione tra le numerose etichette locali in vendita nella fornitissima enoteca interna e descritti accuratamente da personale competente e molto disponibile a scambiare due chiacchiere di approfondimento. Impossibile uscire senza aver fatto acquisti!

Day 1

Our tour starts with a visit to L’Imaginarium in Nuits-Saint-Georges: an amazing visual, sensory and tasting experience we strictly recommend to all wine lovers. We begin with the visit of a very interesing interactive exhibition showing the different stages of the wine production up to bottling, where we can also smell the different fruity and floral notes of the wine and better understand why any wine needs its right glass. We then take part  to a commented tour about the history of the wine in different rooms and end with a guided tasting of 1 sparkly, 2 white and 2 red wines that are regularly selected among the many local labels on sale in the inner wine-shop and carefully described. Cannot leave without making a purchase!

Giorno 2

Partiamo alla volta di Arras, facendo una sosta nella bellissima Troyes: un gioiello medievale dove perdersi nelle strette vie adorne di case a graticcio. Arras è invece una cittadina caratteristica con una bellissima piazza che sembra una versione in miniatura della Grand’ Place di Bruxelles, da osservare minuziosamente in tutta calma. Apericena con vista? Andate nella Place des Héros ed entrate da Au Bureau: ottime birre ed un’ampia selezione di piatti tra cui degustazioni per due decisamente abbondanti.

Day 2

We move to Arras, making a stop in the beautiful town of Troyes: a medievel jewel where to get lost in the narrow streets lined with half-timbered houses. Arras is a small town with a beautiful square looking like a miniature version of the Grand’ Place in Brussels to be meticulously observed. Dinner overlooking history? Walk to Place des Héros and take a table at Au Bureau: excellent beers and a wide selection of dishes including tasting plates for two.

Giorno 3

Oggi ci aspetta Lille con destinazione finale Calais. Lille è una città d’arte da godersi in tutta calma, passeggiando tra le vie della parte storica alla scoperta dell’architettura variegata dei palazzi e di negozi caratteristici. Non perdetevi il Musée Hospice Comtesse: un vecchio ospedale con arredamenti e dipinti in ottimo stato di conservazione, pannelli esplicativi dettagliati ed un piccolo ma grazioso giardino di piante medicinali. Affamati? Tornate su Place Rihour e fermatevi a La Chicorée: ampia scelta di piatti del territorio e menu degustazione in porzioni piuttosto abbondanti, buona scelta di birre e vini anche a bicchiere. Nonostante l’affluenza mantiene un certo charme e, sia l’accoglienza che il servizio, sono molto accurati. Calais è una città portuale piuttosto anonima ma con un municipio degno di nota e punto di partenza ideale per visitare luoghi legati alla Prima Guerra Mondiale.

Day 3

Today it is up to Lille and Calais as final destination. Lille is a city of art to enjoy walking up and down through the streets of the historic part to discover the varied architecture of buildings and nice traditional shops. Do not miss the Musée Hospice Comtesse: an old hospital with well preserved furniture and paintings, detailed explanatory panels as well as a small but lovely garden with medicinal plants. Hungry? Walk back to Place Rihour and stop at La Chicorée: a wide selection of local dishes and tasting menus, good choice of beers and wines by glass too. Despite the turnout, it keeps a certain charm and service is welcome and very accurate. Calais is a port town rather anonymous but with a stunning Town Hall and an ideal starting point to visit places related with the First World War.

Giorno 4

Il tempo non è dalla nostra parte (vento e pioggia lieve) ma non ci scoraggiamo e partiamo alla scoperta dei luoghi che hanno fatto la storia: Cap Gris Nez a Audinghen e Cap Blanc Nez a Wissant. Una bella passeggiata in mezzo alla storia con una splendida vista sulla costa sottostante e da cui, con tempo sereno, è possibile scorgere la costa inglese. Una breve sosta a Boulogne-sur-Mer e ripartiamo alla volta di Amiens, dove ci aspetta una visita entusiasmante agli orti e giardini sull’acqua: les hortillonages d’Amiens. Si inizia con la visione di un interessante video che illustra la storia e gli sviluppi di questi orti e giardini sull’acqua per poi proseguire con una visita commentata su piccole barche elettriche alla scoperta di angoli colorati bellissimi. Ci avventuriamo poi nel pittoresco quartiere di Saint-Leu alla ricerca di un ristorante per la cena e optiamo per Le Quai, un locale di tendenza che propone piatti tradizionali rivisitati in chiave contemporanea. Terminiamo la serata assistendo allo spettacolo magnifico di suoni e luci proiettato sulla facciata della cattedrale: i colori sembrano dar vita alle innumerevoli statue di cui è ornata, permettendo di ammirarne i dettagli più singolari diversamente invisibili.

Day 4

Wheather conditions are not fine (wind and moderate rain) but does not discourage us who start by discovering some places that have made history: Cap Gris Nez in Audinghen and Cap Blanc Nez in Wissant. A nice walk in history with great views of the costs below and UK at the horizon. A short stop in Boulogne-sur-Mer and before driving to Amiens, where we enjoy an exciting visit to the water gardens: les hortillonages d’Amiens. The visit starts with an interesting video explaining the history and development of these water gardens and follow with a guided tour on board of small electric boats bringing to the discovery of amazing colourful corners. We walk then to the picturesque district of Saint-Leu looking for a cozy restaurant for dinner and we opt for Le Quai, a trendy place serving traditional dishes in a contemporaneal style. We end the evening watching at the magnificent sound and light show projected onto the facade of the cathedral: colours seem to give life to the countless statues it is adorned with, allowing to admire singular details otherwise invisible.

Giorno 5

Breve sosta a Saint-Quentin prima di dirigerci verso Reims, capitale dello champagne, dove visitiamo la famosa cattedrale e un piccolo gioiello: l’Hotel Le Vergeur, una casa/museo che è un insieme di pezzi, arredi, quadri e decori provenienti da diverse abitazioni e suddivisi per epoche in diverse stanze, una più bella dell’altra. Posticipiamo la degustazione di champagne a domani e ci lasciamo attirare da un birrificio: Les 3 Brasseurs, un bel locale con una saletta più intima e caratteristica sulla sinistra, che offre una piccola degustazione di 4 birre in versione 25cl oltre a piatti veloci o più ricercati.

Day 5

A short stop in Saint-Quentin before driving to Reims, the capital of champagne, where we visit the famous cathedral and a little jewel: Hotel Le Vergeur, a museum/house plenty of pieces, furnitures, paintings and decorations coming from different local houses and grouped by ages in separate rooms, one more beautiful than the other. We postpone the champagne tasting to tomorrow and let tempt by a brewery: Les 3 Brasseurs, a nice brewery with a more intimate dining room on the left, offering a tasting of 4 beers in 25cl as well as many tasty dishing.

Giorno 6

Eccoci alla scoperta del famigerato champagne con la visita alle cantine Mercier a Epernay: una bella esperienza esaustiva anche se non ha sicuramente lo stesso fascino di tante cantine più piccole dove si viene accolti direttamente dai proprietari. Si inizia con la visione di un filmato che illustra la storia del fondatore, si scende poi nelle cantine all’interno di un ascensore in vetro e si percorrono gli immensi corridoi ricchi di bassorilievi su un trenino elettrico accompagnati da un’audioguida. Al termine della visita è prevista una degustazione guidata a seconda della tipologia di biglietto acquistato (consigliamo vivamente la Bulle d’Or che include 3 diversi champagnes ed una spiegazione decisamente più esaustiva rispetto a quella riservata a chi ha optato per la formula più economica). Riprendiamo il tragitto in mezzo ai vigneti e ci dirigiamo verso la prossima meta: Nancy, con il bellissimo Musée de l’Ecole de Nancy, una ricca collezione di arredi, oggetti e stupende vetrate in stile liberty raggruppata in una villa d’epoca attorniata da un bel giardino, l’immensa Place Stanislas attorniata da palazzi e porte dorate stupende, l’Eglise des Cordeliers con un interessante museo etnografico con belle ambientazioni di altri tempi e la Basilique Saint-Epvre con vetrate spettacolari. Proprio di fronte si trova Le Ch’timi, una birreria tipica molto frequentata che offre una selezione di 20 birre alla spina e oltre 150 in bottiglia rigorosamente servite nei bicchieri più appropriati.

Day 6

It is time to discover the famous champagne taking a visit to Mercier cellars in Epernay: a pretty experience although certainly not so charming as that offered by many small cellars where you are greeted by the owners. We start by watching a short movie telling the story of the founder before taking a panoramic glass elevator which brings us down to the cellars where we run through the immense halls of the carvings reach in bas-relief on an electric train accompanied by an audio guide. The tour ends with a guided wine tasting depending on the type of purchased ticket (we strongly recomment the Bulle d’Or that includes a tasting of three different champagnes and a much more complete explanation than that reserved to people opting for the cheapier formula). Our journey continues through the beautiful vineyards and then to our next goal: Nancy, with the beautiful Musée de l’Ecole de Nancy, a rich collection of furniture, objects and beautiful liberty windows grouped in a historic villa surrounded by a nice garden, the wide Place Stanislas surrounded by beautiful palaces and stunning golden doors, the Eglise des Cordeliers with an interesting ethnographic museum and the Basilique Saint-Epvre with stunning stained glass windows. Just opposite you will fiand Le Ch’timi, a typical and very popular pub offering a selection of 20 draft beers and over 150 bottled ones any of them strictly served in the more appropriate glass.

Giorno 7

Ultimo giorno: ci aspetta una visita alla cittadella sotterranea di Verdun, un percorso molto coinvolgente su trenino durante il quale si viene catapultati indietro nel tempo grazie a filmati 3d perfettamente realizzati che trasmettono emozioni e consentono di immedesimarsi nella situazione vissuta da migliaia di soldati. Una tappa a Metz e poi… rientro a casa ma non dopo aver gustato un’ottima selezione di formaggi!

Day 7

Last day with a planned visit to the underground citadel of Verdun, a very nice experience on a little train during which you are catapulted back in time thanks for 3d movies transmitting emotions and allowing you to empathize with the situation faced by thusands of soldiers. A last stop in Metz and then… back home but not before enjoying an excellent cheese tasting!

Weekend alla scoperta di Bologna e Ferrara / Discover Bologna and Ferrara in a weekend

Stanchi di girare tra gli stands della fiera di Bologna? Prendetevi una pausa ed approfittatene per una bella passeggiata nella patria dei #tortellini! Partiamo da Via San Vitale, dove potrete ammirare l’esterno di Palazzo Fantuzzi, prima di arrivare ai simboli della città: le torri degli Asinelli e Garisenda da vedere sotto diverse angolazioni e la Piazza Maggiore con la Fontana del Nettuno, il bellissimo Palazzo Re Enzo, Palazzo d’Accursio, Palazzo dei Notai e la Basilica di San Petronio, piuttosto anonima vista dall’esterno ma con all’interno cappelle in stile trecentesco e barocco, vetrate policrome, gruppi scultorei (non perdetevi quello a destra dell’altare) e… la meridiana più grande del mondo!                         Avventuratevi poi nella Biblioteca Salaborsa per scoprire, oltre ad una fornitissima biblioteca multipiano, le antiche origini di Bologna proprio sotto il pavimento in parte vetrato, prima di perdervi tra le strette vie del centro piene di negozi e botteghe con le migliori specialità gastronomiche. Vi è venuta fame? Fate un salto al Mercato delle Erbe per uno spuntino veloce ma evitate l’orario a ridosso del pranzo: troppo affollato e caotico! Dirigetevi adesso verso la Basilica di Santo Stefano: se avete la fortuna di visitarla in un momento di scarsa affluenza sarete avvolti da un’atmosfera mistica soprattutto nella cappella inferiore riservata alla preghiera. Non perdetevi il chiostro ed il negozio erboristico dove acquistare rimedi naturali dei conventi. Un’ultima tappa alla Basilica di San Domenico prima di concludere il tour in un angolo molto suggestivo: la Piccola Venezia, a breve distanza da Via dell’Indipendenza (regno dello shopping) e dalla stazione ferroviaria, sembra quasi una calle veneziana… Un consiglio per una cena tipica? Antica Trattoria della Gigina, un pò decentrata ma l’ideale per gustare i piatti della tradizione emiliana tra cui gli squisiti tortellini in brodo. Per un soggiorno senza troppe pretese in zona fiera consigliamo l’Hotel Imperial: camere e bagni ampi, colazione a buffet con ampia scelta di prodotti freschi, personale accogliente e disponibile e fermata bus 25 per il centro proprio davanti all’ingresso.

Tired of walking up and down through the stands of Bologna Fair? Take a break and enjoy a nice walk in the “tortellini” town! You can start by Via San Vitale and admire the exterior of Palazzo Fantuzzi before reaching Bologna symbols: Asinelli and Garisenda towers to be seen from different angles and Piazza Maggiore with the Neptune Fountain, Re Enzo, d’Accursio and dei Notai Palaces as well as the Basilica of San Petronio plenty of beautiful chapels, stained glass windows, sculptures (do not miss the one on the right side of the altar) and… the largest sundial in the world! Take a look then into Salaborsa library to discover the ancient origins of Bologna right under the partly glazed floor before wandering through the narrow streets of downtown full fo shops and boutiques offering the finest traditional delicacies. Feeling hungy? Take a visit to the Mercato delle Erbe for a quick snack but try to avoid luch time: too much crowded and chaotic! Walk then to the Basilica of Santo Stefano: if you are lucky enough to visit it when not crowded, you will have the chance to feel a mystical atmosphere especially in the lower chapel that is reserved for prayers. Do not miss the cloister and the traditional shop where you can buy some natural herbal remedies made by Italian convents. A final stop at the Basilica of San Domenico before ending the tour in a very picturesque corner: la piccola Venezia (the small Venice) , not far from Via Indipendenza (the main shopping street) and the train station, so called as it seems a little Venetian calle. A suggestion for a traditional dinner? Antica Trattoria della Gigina, a little bit far from the city centre but a very nice place to taste traditional Emilian dishes, including delicious tortellini. For a cozy stay near the Fair we suggest you Imperial Hotel: large room and bathroom, breakfast buffet with a wide selection of fresh products, friendly and helpful staff and line 25 bus stop to the centre right in front of the entrance.

 

Vi rimane un giorno libero e volete sfruttarlo per una visita in zona? Fate un salto a Ferrara, città d’arte famosa per il suo castello che potete raggiungere tranquillamente in treno da Bologna e visitare a piedi. Se arrivate in treno, prendete l’autobus che ferma davanti alla stazione per raggiungere il centro e che vi porta proprio davanti al Castello Estense: bellissimo e molto ben conservato, merita decisamente una visita anche solo all’esterno, dal momento che gli interni sono piuttosto spogli ma con alcune sale con affreschi degni di nota. Dirigetevi poi verso la Basilica di San Giorgio Martire, un mix variegato di stili ed opere che ne fanno un monumento veramente particolare e con un battistero molto suggestivo, e raggiungete Palazzo Schifanoia, tappa immancabile se amate gli affreschi: la sala con il ciclo dei dodici mesi è veramente spettacolare e da ammirare nei singoli dettagli. Uscendo nel giardino potete fermarvi nella Caffetteria Ristoro Schifanoia, un caffè culturale dall’aria bohémienne, per uno spuntino a base di salumi tipici accompagnati da piadina e coppia (il pane tradizionale di Ferrara) e da innaffiare con ottimi vini serviti anche a bicchiere o per un pranzo a base di piatti tipici locali. Non perdetevi infine una passeggiata nel Medioevo, via delle Volte, un angolo suggestivo dove sembra di tornare indietro nel tempo: luce filtrata, tranquillità e profumo di cose d’altri tempi.

Some additional free time? Pay a visit to Ferrara, a nice town famous for its castle you can easily reach by train from Bologna and explore on foot. If you arrive by train, take the bus stopping in front of the station (tickets can be bought in the shop inside the station) that drives you right in front of the Estense Castle: beautiful and very well preserved, it definitely worth a visit (interior is rather bare but some rooms are decorated with nice frescoes). Walk then to Basilica of San Giorgio Martire, a mix of styles that make it a very special church with an impressive baptistery, and reach Palazzo Schifanoia, a not to be missed visit if you love frescoes: take your time and admire any single detail of the amazing cycle representing year’s months. Coming out in the garden, you can take a break in Caffetteria Schifanoia, a bohemian looking cultural coffee shop where you can also taste local salami, piadina and bread paired with fine wines or traditional dishes. Last but not least a walk in via delle Volte, a quiet picturesque corner where filtered light and smell of the past will bring you back to Middle Ages.

Benvenuti! Welcome!

E’ trascorso oltre un anno dal lancio del nostro sito e relativi profili Facebook, Google+ e Twitter e siamo più che fieri dei risultati finora raggiunti. Riteniamo tuttavia che la creazione continua di nuovi contenuti sia fondamentale per la crescita del nostro progetto ed è per questo che abbiamo pensato di realizzare un  blog inteso come spazio per condividere i nostri viaggi e le nostre esperienze in giro per fiere e manifestazioni, alla scoperta continua di prodotti ed attività esclusivi e tradizionali. Ci auguriamo che vi piaccia e che possa fornirvi spunti utili per il vostro tempo libero!

Over a year passed since our website  and social profiles on Facebook, Google+ and Twitter were launched and we are more than proud of the achieved results. However we think that keep on creating new contents is something necessary to develop our project and that is why we have decided to create a blog as a place where we wish to share our trips and experiences around exhibitions and events, always looking for exclusive and traditional products and business. Hope it will be interesting to you !